Vignetta decisione

Prendo spunto dall’incontro che abbiamo avuto ieri sera con Manuela Campanozzi, uno dei trainer del FLY e direttore dei centri di Milano e Genova di HRD Net.

Nella nostra consueta riunione pre-serata Manuela ci ha fatto ragionare proprio su questo argomento: quanto siamo delle persone decise e quanto pensiamo di esserlo?

Ho trovato quest’intervento davvero molto molto bello, mi ha riportato a fare dei ragionamenti e pormi delle domande che mi ero già fatto in precedenza, ma che ogni tanto dimentico!

Mi considero e mi sono sempre considerato una persona decisa ma grazie a lei ho rispolverato il fatto che lo sono la maggior parte delle volte, ma non sempre… ho riportato alla mente ciò che era un pochino impolverato e cioè che il processo decisionale che utilizziamo è quello che fa la differenza tra una vita straordinaria e una vita mediocre… e inoltre, che prima della decisione spicciola viene sempre una decisione più importante: “ma io che cosa voglio veramente in merito a…”!

Non potendo riportarvi qui quanto ci siamo detti per ragioni di spazio, voglio comunque trascrivervi alcuni spunti presi da “Passi da gigante” di Tony Robbins…

Chi avrebbe mai pensato che la convinzione di un silenzioso uomo senza pretese – di professione avvocato e pacifista per principio – avrebbe avuto il potere di far cadere un impero vastissimo? Tuttavia la decisione di Mahatma Gandhi, il suo credo nella non violenza come mezzo per aiutare il popolo indiano a riprendere il controllo del proprio paese, mise in azione una catena di avvenimenti inaspettati.
Sii consapevole del potere di una singola decisione compiuta immediatamente e con grande convinzione.

Il segreto è dichiarare pubblicamente un impegno così grande da non poter essere ritrattato. Mentre tanti pensavano che fosse un sogno impossibile, con solida fermezza Gandhi mantenne la sua decisione e la fece diventare una realtà incontestabile.

Che cosa riusciresti a fare anche tu, se raggiungessi un livello simile di passione, convinzione e azione tali da creare un impeto inarrestabile?

Non è ciò che facciamo di tanto in tanto che conta, ma le nostre azioni costanti. E qual è il padre di qualsiasi azione? Che cosa, alla fine, determina ciò che diventiamo e dove andiamo nella vita? La risposta è: le nostre decisioni. E’ in questi momenti che il nostro destino si forma. Più che qualsiasi altra cosa, credo che le nostre decisioni – non le condizioni delle nostre vite – determinano il nostro destino.

Più decisioni prendi, più bravo diventerai nel prenderle. I muscoli diventano più forti con l’allenamento, e lo stesso avviene quando sviluppi i “muscoli” capaci di prendere decisioni.

Oggi prendi due decisioni che hai sempre rimandato: una decisione facile e l’altra con effetti di più vasta portata.

Immediatamente fai la prima azione per realizzarle entrambe – e segui il prossimo passo domani. Facendo questo tu allenerai il muscolo che potrà cambiare la tua intera vita.

La decisione: una delle più importanti azioni che ci troviamo ad affrontare… non sempre abbiamo tutti gli strumenti necessari per prendere le nostre decisioni con serenità e immediatamentee tu, come prendi le tue decisioni? Ti senti a posto in quest’area della tua vita o ti piacerebbe conoscere qualche strategia che ti possa aiutare soprattutto là dove decidere ti coinvolge molto a livello emotivo?

Mauro

“Niente accade se non è preceduto da un sogno”

– Carl Sandburg –

Leave a reply

required

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *